Biscotti di pasta frolla alternativa

Hola!

I biscotti… quanto li adoro! Penso di averlo scritto un sacco di volte, forse sarete anche stanchi di leggerlo, ma per me i biscotti sono in assoluto il mio confort food.

Mi riportano con la mente alla mia infanzia, a quando da piccina trascorrevo i fine settimana a casa dei miei nonni, che mi impegnavano nelle loro attività per “tenermi occupata”.

Con il nonno Bepi mi prendevo cura dell’orto, raccoglievo le patate e tutte le verdure che servivano alla nonna per preparare la cena.
Nel frattempo lei era impegnata con la sua macchina da cucire, riuscivo ad appisolarmi nel divano che c’era nella sua stanza adibita a sartoria, il rumore della macchina che cuciva e il brusio della nonna che chiacchierava con le sue amiche, mi cullavano dolcemente.
Alla sera, poi, con gli “scarti” dei tessuti, nonna mi confezionava gli abiti per le barbie, e io mi sentivo super fortunata e felice.

Puntuale, estate o inverno era sempre uguale, alle 16:30 il richiamo per la merenda! Un tè fumante e tanti biscotti conservati nella scatola di latta mi aspettavano.

biscotti dolcizie mtchallange di farina in farina

Ho visto la nonna preparare gnocchi, tagliatelle, lasagne, crostoli… i biscotti non li faceva, ma la mia vena “golosa” ereditata dall’altro mio nonno pasticcere, hanno fatto sì che questi siano in assoluto i dolci preferiti, che adoro preparare e mangiare, proprio perchè mi riportano alla mente tante emozioni.

Come non essere doppiamente felice quando ho visto l’ultima sfida dell’MTC? I BISCOTTI!

Questa volta volevo provare una frolla “alternativa” perciò non ho esitato un attimo e ho preso il libro di scritto da Marianna Franchi “Di farina in farina“, certa di trovare la giusta ispirazione. E così è stato!

biscotti dolcizie

INGREDIENTI:

* 180 gr di farina d’orzo
* 100 gr di farina di farro
* 100 gr di burro morbido
* 1 uovo
* 65 gr di zucchero di canna
* 65 gr di zucchero semolato
* 1 cucchiaino di lievito per dolci
* buccia grattugiata di una arancia non trattata
* 1 pizzico di sale fino

biscotti dolcizie mtchallange

PROCEDIMENTO:

1 – In una ciotola lavorate con le fruste il burro morbido con i due tipi di zucchero, fino a ottenere un composto chiaro e omogeneo. Unitevi quindi l’uovo, la buccia grattugiata d’arancia e il sale.

2 – Al composto ottenenuto, aggiungete ora le farine precedentemente setacciate con il lievito, impastate velocemente e formate un panetto, che dovrà riposare in frigo avvolto con della pellicola alimentare, per almeno 1 ora.

3 – Riprendete il vostro panetto, stendetelo nel ripiano spolverizzato con un pò di farina e con uno stampino, ricavate dei biscotti. Adagiateli nella teglia sopra della carta da forno.

4 – Spolverizzateli con dello zucchero di canna e cucinate per circa 15-20 minuti a 160°.

Bon Appétit!

biscotti

Con questa ricetta partecipo alla sfida MTC #56 Biscotti di Dani & Juri  di Acqua e Menta

mtc 56

Ringrazio Silikomart per il bellissimo stampino.

7 Comments

  • Reply
    zia Consu
    24 aprile 2016 at 18:23

    Ma che simpatici 🙂 e sicuramente troppo golosi 😛 Complimenti Sara e felice serata <3

  • Reply
    Silvana
    25 aprile 2016 at 0:02

    Ma che simpatiche faccine! Posso assaggiarne qualcuno? Brava!

  • Reply
    tizi
    26 aprile 2016 at 9:47

    ma che carini che sono questi biscotti… e chissà che buoni! anch’io non mi stancherei mai di mangiarne, se sono fatti in casa e genuini come questi! baci sara, buona settimana 🙂

  • Reply
    Mile
    26 aprile 2016 at 15:35

    Ho sorriso di tenerezza al racconto e di piacere alla vista dei biscotti: mettono davvero allegria e li trovo semplicemente deliziosi! Grazie.

  • Reply
    saltandoinpadella
    28 aprile 2016 at 10:22

    Sono carinissimi, davvero divertenti con quelle faccine simpatiche 🙂
    i tuoi nonni ti trattavano proprio come una principessa, sei stata fortunata

  • Reply
    Dani
    29 aprile 2016 at 20:20

    Belli buoni e simpatici… cosa volere di più? Bravissima!

  • Reply
    alessandra
    1 maggio 2016 at 10:08

    stessi ricordi, stessi stampini, stesso bellissimo libro.
    E perchè non ho la tua stessa manualità, me lo spieghi? 🙂
    bravissima!

  • Leave a Reply