TORTA AGLI AMARETTI

Hola!

La ricetta di oggi ha alle sue spalle una lunga storia!

Non voglio annoiarvi raccontandovi per la centesima volta che appena sposata (all’età di 25 anni), non sapevo neppure cucinare una pastasciutta.

L’arte culinaria non mi interessava, anzi, il solo pensiero di cucinare mi irritava non poco!

Ho la fortuna però, che a mio marito piace “mettersi ai fornelli”, è il classico tipo che con poche cose crea manicaretti incredibili, e all’epoca rideva difronte al mio sgomento quando, guardando dentro il frigo dicevo attonita “non c’è nulla..!!!“.

Come nulla?” rispondeva, prendeva due-tre cose e in poco tempo mi preparava qualcosa di speciale.

Passai così i primi 3 mesi di matrimonio, se si mangiava era perché LUI cucinava, altrimenti, fosse stato per me, saremmo sopravvisuti con insalatone e frutta! (e non perché le amassi particolarmente ma per necessità)

Poi ebbi un piccolo incidente domestico, caddi dalle scale e mi ruppi un dito per piede.

Uscii dal pronto soccorso con una bella ingessatura, le stampelle e la prognosi di 30 giorni di riposo assoluto, soprattuto le prime settimane.

Ovviamente io sono un po’, come dire, “sciocchina“, perciò non ascoltai molto quanto mi fu consigliato, e trascorsi le mie giornate saltellando qua e là per la casa, presa dai mie mille hobby (decoupage, perline e chi più ne ha più ne metta).

Fu così che i 30 giorni di riposo, mea culpa, divennero 45 (non dovevo saltellare!!!!). Per ingannare il tempo, quindi, iniziai anche a guardare dei programmi di cucina.

Cucinare…. sembrava quasi divertente.

Cosa accadde poi ve lo racconterò un’altra volta, per oggi vi basta sapere che questo dolce fu uno dei primi che preparai, sotto le attente istruzioni ricevute da mia mamma e scritte nel mio quadernino preso per l’occorrenza.

TORTA CON GLI AMARETTI

una ricetta semplice, veloce e golosa

INGREDIENTI:

* 4 uova
* 2 etti di zucchero semolato
* 2 etti di burro fuso (raffreddato)
* 175 gr di farina 00
* 1 etto di amaretti sbriciolati

PROCEDIMENTO:

1 –  In una ciotola mescolate i tuorli con lo zucchero, il burro, la farina setacciata e gli amaretti ridotti in polvere.

2 – A parte montate a neve ben ferma gli albumi.

3 – Unite delicatamente gli albumi a neve al composto ottenuto al punto 1. Versatelo quindi in uno stampo precedentemente imburrato e infarinato, e cucinate a 170° per circa 20-30 minuti.

I tempi di cottura variano a seconda della grandezza del vostro stampo, io ho usato uno stampo diametro 20; fate sempre la prova dello stecchino per verificare quando il vostro dolce è pronto.

Mi piace servire questo dolce tagliato a cubetti.


Bon Appètit!

6 Comments

  • Reply
    Marghe
    14 Novembre 2014 at 15:05

    Anche io ho imparato a cucinare dopo il matrimonio… almeno non si può dire che marito mi abbia voluta per comodità 😀
    La tua dev'essere una di quelle torte buone, sewmplici ma golose che non stufano mai… sono sempre alla ricerca di dolci così, grazie mille!
    Un abbraccio e buon weekend

    • Reply
      Sara by Dolcizie
      14 Novembre 2014 at 16:52

      è vero, di certo non ho conquistato mio marito "prendendolo per la gola"! Ero un vero disastro, giuro… quasi non ci credeva quando l'ho guardato perplessa e terrorizzata perchè non avevo idea di come cucinare la pastasciutta… ha ha ha
      Buon fne settimana a te Marghe 🙂

  • Reply
    lacucinadinuccia
    14 Novembre 2014 at 16:37

    Mi ha consolata non poco leggere di non essere la sola a non essere "da sempre" appassionata di cucina…
    Chi mi conosce da prima della mia "trasformazione" continua ad essere incredulo ora e a volte questa cosa mi infastidisce… non so se capita anche a te… 😀
    Ricettina di quelle che piacciono a me: semplice e confortante! Segno anch'io nel mio block-notes delle meraviglie! Anche perchè adoro gli amaretti e ogni loro derivazione! 😀 grazie! Elena

    • Reply
      Sara by Dolcizie
      14 Novembre 2014 at 16:50

      Diciamo che da quel momento in poi ho iniziato a cucinare per necessità e un pizzico di "piacere", ma preparando sempre le solite cose. La vera passione è scaturita quando ho aperto il blog e ho deciso di osare, provare nuove ricette, rimandendo in quell'ambito che più mi piaceva: la pasticceria.
      Solo negli ultimi anni cucinare è diventato un vero piacere e una passione.
      Le amiche storiche? Loro ancora non capiscono come da ragazzina "super festaiola" e sempre in giro, ora sia una mamma chioccia e una donna che ama la cucina, stare in casa con gli amici e con la famiglia.
      Buon weekend 🙂

  • Reply
    Batù Simo
    14 Novembre 2014 at 18:09

    Saruccia bella… con questa sofficissima torta conquisteresti chiunque 🙂 buon week end
    P.s. e meno male che hai avuto l'evoluzione mamma/donna, quando vedo quelle donne che vogliono (o sono?) ragazzine e dunque sono immature e pensano solo a se stesse inorridisco. (ho qualche esempio in famiglia…)

    • Reply
      Sara by Dolcizie
      14 Novembre 2014 at 20:10

      Ehm, ho ben presente quella categoria!!! Fortunatamente di spirito mi sento sempre una ventenne, anche se con gli acciacchi di una quasi quarantenne, ma sono felice così, di come sono ora …
      Siamo esseri sempre in evoluzione, si cambia e matura ed è bello e giusto così, giusto?
      Buon fine settimana a te 🙂

    Leave a Reply